Giochiamo con i pattern

Sabrina Masolatti scuola dell’infanzia Girasole Morbegno (SO)

Dopo la conversazione su cosa era una creazione e cosa era una creazione matematica ho portato il materiale che i bambini hanno scelto e ho proposto una creazione.

I bambini hanno poi disegnato la propria creazione dando un titolo, si nota l’attenzione di quasi tutti nel riportare forme, numero, disposizione e organizzazione del foglio degli oggetti utilizzati, ho notato come i bambini contavano prima di disegnarli sul foglio. 
Ziyad ha dato come titolo il modo di utilizzare propria creazione.

Ora voglio procedere osservando una creazione e chiedendo a turno cosa vedono nella creazione di matematico.

Possibili domande: cosa c’è di matematico, da cosa si capisce, quanti pezzi ci sono, come sono stati messi, a cosa ti serve vedere quanti sono.

OSSERVIAMO LA CREAZIONE DI MATTEO

Fiori con tutto

Ins: guardando la creazione di Matteo secondo voi cosa voleva fare Matteo?

Demis: si vede una scala che può passare sopra le cannucce

Emma: è una pista di skateboard

Filippo: io dico il sole con i raggi

Tessa Zoe: il sole sopra il mare con la sdraio e le conchiglie

Gaia: una pista di golf e la pallina

Ziyad: la gara di cannucce con le trappole

Nicholas: un parco giochi con lo scivolo e l’altalena

Francesco: il sole che guarda il mare pieno di conchiglie e il signore che guarda con il binocolo

Matteo: è un fiore che è cresciuto dai semini, vedete qui dentro ci sono i semini

Francesco: dove sono i semini?

Matteo: dentro ai tappi

Demis: e la spugna morbida?

Matteo: può essere il vento che soffia

Ins: cosa vedete di matematico?

Demis: ci sono 3 tappi, anzi 4

Francesco: ci sono 2 tappi uguali, quelli blu

Ziyad: il bottone è rotondo come i tappi

Tessa Zoe: il fiore è matematico

Ins: perché Tessa?

Tessa Zoe: si devi contare le cannucce

Emma: si 1,2,3,4 anche qui ci sono i numeri

Filippo: però la pasta è una sola

Matteo: anche il legno è solo uno

Francesco: solo le cannucce sono tante, si devono contare, gli altri sono uno, si vede

Ins: perché si vede?

Francesco: uno è poco si vede e gli altri devi contarli

Allora cerchiamo gli oggetti che ha utilizzato Matteo, li contiamo e li scriviamo nella lista degli oggetti

Nicholas: anche i tappi blu non sono 1

Francesco: si sono 2, si vedeva anche senza contarli con le dita

Ins: ma Francesco perché dici di usare le dita

Francesco: perché le cannucce sono tante e uso le dita 

Emma: le cannucce 7

Tessa Zoe: si era meglio contarle fino al 7

Demis: si era meglio per non sbagliare, così le tocchi con le dita e controlli

ORA PROVIAMO A DISEGNARE LA CREAZIONE FACENDO ATTENZIONE AL NUMERO DEGLI OGGETTI CHE ABBIAMO CONTATO E CONTROLLIAMO LA LISTA SE CORRISPONDE

Ins: oggi volevo osservare i fiori di Matteo, abbiamo contato che ha utilizzato 2 tappi blu e 7 cannucce 

Matteo: si i due fiori hanno 7 cannucce

Ins: creiamo i fiori di Matteo sul banco in modo di formare la creazione sul tavolo

Matteo: (mette il primo tappo ) mettiamo 4 cannucce

Filippo: si vicino ai tappi ci sono 4 cannucce

Matteo seguito con attenzione degli altri prova a mettere le cannucce

Francesco: metti anche il tappo numero 2

Filippo: si e anche altre 4 cannucce

Emma: si 4 così sono uguali

Tessa Zoe: ma una cannuccia è in comune (e mostra indicando)

una cannuccia va in 2 tappi

Filippo: ma Tessa i tappi hanno 4 cannucce 

Tessa Zoe: no il secondo tappo ha 3 cannucce

Ins: Tessa Filippo ti dice però che i tappi devono avere 4 cannucce, perché dici che ne devi mettere 3

Tessa Zoe: si, deve avere 4 ma una è uguale al tappo numero 1

Emma: è vero una fa 2 tappi

Francesco: una cannuccia va da 2 tappi

Tessa Zoe: si è in comune

Tessa Zoe mostra come forma il fiore con 3 cannucce

Demis: allora si aggiunge 3 cannucce

Ricomponiamo i fiori sui banchi partendo da 1 tappo e poi aggiungiamo il tappo numero 2

(ognuno va a prendere cannucce e tappi nei contenitori facendo attenzione a contare il numero esatto e prova a creare i fiori) 

Ins: provo a farvi uno scherzo, sul banco vi metto un altro tappo blu e voi dovete formare un altro fiore ma quante cannucce serviranno? 

Emma: prendo 3 cannucce

Tessa Zoe: si, aggiungo 3 e faccio lo stesso per tutti i tappi

Francesco: ma il 1 tappo ha 4 vero?

Filippo: si parte con 4 cannucce e poi metti sempre 3 però una deve toccare due tappi stai attento Franci

Ins: ok allora avete provato che aggiungendo sempre 3 cannucce si formano sempre fiori da 4 cannucce 

ora disegniamo i fiori che abbiamo creato

Oggi vi faccio un altro scherzo vi metto una cannuccia in più al primo tappo e come facciamo a formare gli altri fiori

Emma: così diventano 5

Francesco: mettiamo 5 cannucce?

Ins: prova Francesco, dici di mettere 5 cannucce in quale tappo?

Francesco osserva il primo tappo con 5 cannucce 

Francesco: ma se il numero 1 ha 5 cannucce adesso il 2 ha 4 ..

Filippo: si aggiunge una cannuccia in tutti i tappi 

Francesco: vero basta una cannuccia in più perché le altre ci sono

Matteo: si una cannuccia in più

Tessa Zoe: Se tu maestra aggiungi una cannuccia e diventano 5 anche noi aggiungiamo agli altri tappi una cannuccia nuova

Inizia una nuova settimana e oggi c’è presente Gaia che la settimana scorsa era assente, proviamo a raccontare ciò che abbiamo fatto

Nicholas: abbiamo visto i fiori di Matteo e li abbiamo fatti sui banchi 

Matteo: si con 7 cannucce, servivano 4 cannucce per un tappo 

Ins: ok Matteo ma cosa intendi che servivano 4 cannucce?

Matteo: che ogni tappo aveva 4 cannucce ma una era attaccata a 2 tappi

Tessa Zoe: una era in comune 

Matteo: e allora per fare gli altri fiori bisognava aggiungere sempre 3 cannucce nuove

Francesco: ma una cannuccia deve sempre toccare 2 tappi

Ins: ok avete spiegato a Gaia che avete trovato una soluzione per formare i fiori

Nicholas: si tanti fiori 

Ins: vero avete formato tanti fiori seguendo sempre la stessa regola cioè aggiungere sempre 3, oggi volevo fare un gioco e insieme cerchiamo una regola per completarlo

Creiamo un albero che potrebbe essere l’albero che sta in giardino vicino ai fiori di Matteo ma utilizzando i lego, inizio a crearlo con i lego rossi e gialli in fila e li metto a forma di albero… 

Ins: vorrei formare un albero più grande come posso continuare?

I bambini cominciano a contare i lego

Demis: sono 10 pezzi dobbiamo metterne altri forse per arrivare a 11 

Ins: prova Demis come fai ad arrivare a 11 pezzi

Demis prende un pezzo prova ad aggiungerlo ma non è convinto

Matteo: ma dobbiamo guardare la riga, sono tutte diverse

Filippo: ogni riga cambia colore

Ins: cosa vuoi dire che ogni riga cambia colore

Filippo: prima c’è un lego giallo poi sotto è rosso poi giallo poi rosso allora dobbiamo mettere i lego gialli perché dobbiamo cambiare colore

Tessa Zoe: dobbiamo sempre cambiare colore 

Ins: ok ogni volta dobbiamo cambiare colore ma quando lo dobbiamo fare

Francesco: quando è finita la riga

Demis: quando è il numero giusto

Matteo: quando i puntini dei lego finiscono

Demis: dobbiamo guardare le quantità

Ins: cosa vuol dire guadare le quantità?

Demis: la quantità è il numero giusto

Ins: e qual è il numero giusto

Demis: bisogna contare ma non 11 come avevo detto

Tessa Zoe: bisogna contare i lego con lo stesso colore

I bambini contano le file dei lego

Filippo: 1, 2, 3…ho capito si mettono i numeri sempre più grandi

Tessa Zoe: no come il gioco delle cannucce ma stavolta si aggiunge 1

Francesco: si però si cambia anche il colore

Ins: allora per continuare l’albero dobbiamo osservare sia il colore che il numero

Tessa Zoe: si conta la fila e si fa una fila nuova con un lego in più e si cambia colore

Facciamo un gioco a squadre ci dividiamo in coppie e costruiamo un albero per squadra dobbiamo ricordarci la regola del colore e del numero:  

Con cartoncino colorato abbiamo provato a ricreare l’ albero: